Yuri Didenko

pianoforte

 

 

Il pianista russo di fama internazionale Yuri DIDENKO ha suonato nelle migliori sale da concerto di Mosca, tra cui grande sala del Conservatorio di Mosca e Moscow International House of Music, città dell'ex Unione Sovietica e all'estero: Belgio, Italia, Germania, Gran Bretagna, Svezia, Norvegia, Giappone, Stati Uniti, Polonia, Malta, Grecia, Cile, Cina, Paesi dell'Africa occidentale, Turchia, Cipro, Corea del sud.
La rivista inglese pianoforte scrive di lui: "audace, aperto, potente, e tecnicamente compiuto vecchia scuola virtuosità ". Il giornale belga la semaine d'Anvers ha scritto di lui come un  "pianista brillante " e ha menzionato la sua  "grande e luminosa sonorità " così come il dinamismo.
I suoi concerti negli Stati Uniti sono stati altamente valutati dalla stampa. 
"Le opere immortali di Schubert, Liszt e Rachmaninov suonano con un'incredibile forza di convinzione, potere emotivo e luminosità sotto le mani magiche di Yuri DIDENKO, il Presidente della giuria del concorso internazionale di Dimitrios Vikelas. Quando la musica trova il suo interprete ideale, incanta i suoi ascoltatori, riempe i loro cuori di bellezza, passione e armonia. Yuri DIDENKO ha dimostrato di essere un performer ideale  ".

 il giornale greco "Epikaira " scrive:
Il vasto e variegato repertorio di DIDENKO comprende opere di diversi stili-da Bach a Messiaen e musica d'avanguardia del ventesimo secolo.
Yuri  Didenko ha iniziato gli studi del pianoforte presso la Central Music School affiliata al Conservatorio di Mosca con Alexander Mndoyants e poi al Conservatorio di Mosca con il professor Merzhanov. Dal 1994 in poi, è stato nella facoltà di pianoforte del Conservatorio di Mosca.
E'  vincitore di numerose competizioni in Italia, USA, Belgio, in rilievo il prestigioso concorso internazionale  Concert in Royal Tunbridge Wells (Gran Bretagna). Nel 2003,  ha ricevuto il Premio Ministero della cultura della Federazione Russa "per i risultati speciali nella cultura".
Ha fatto numerose registrazioni sulla radio di stato russa.
Richiesto per le Masterclass in Russia, Polonia, Ucraina, Grecia, Kazakistan, Emirati Arabi Uniti, Germania, Malta, Spagna, Italia, Stati Uniti, Corea del sud e Cina,  è anche  membro e  presidente in numerose giurie . Dal 1996 al 2002,  è stato membro attivo e segretario della società Rachmaninov della Russia. È anche membro del Presidium della Fondazione Scriabin. Nel 2014 è stato nominato Vice Presidente della società internazionale Rachmaninov (Germania).

Alistair Sorley

accompagnamento al pianoforter per gli strumenti ad arco

 

E’ nato a Salisbury in Inghilterra. All'età di 16 anni ottiene una borsa di studio alla Royal Academy of Music di Londra, dove si diploma in violino e in pianoforte, e vince un premio per pianisti accompagnatori. E’ stato premiato nel Concorso Internazionale di Musica da Camera di Caltanissetta. All’Istituto Musicale Bellini di Catania si è diplomato con massimo dei voti e la lode come clavicembalista. Ha collaborato in Gran Bretagna sia come pianista accompagnatore sia come violinista, nelle illustre orchestre, teatri e festival come la BBC symphony orchestra, la English National Opera North, e la Scottish chamber orchestra, e in Italia nell'Orchestra Toscanini di Parma, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Massimo Bellini di Catania, dove lavora attualmente. Come pianista accompagnatore, clavicembalista e violinista, ha collaborato con  importanti artisti quali Jurgen Hess, Jorge Bolet, Ruggiero Ricci, Sergey Krylov, Natalia Korsakova, Ilya Konovalov, Boris Belkin, Uto Ughi, Pavel Berman, Dimitra Theodossiou, Josè Cura, Temirkanov, Oren, Lombard, David, Ranzani, Khun ,Yo-Yo Ma, Janos Starker, Julian LLoyd Webber, Misha Maisky, Mario Brunello, Giovanni Sollima, Evelyn Glennie. Ha partecipato, fra l’altro nell Edinburgh Festival, il BBC Promenade Festival, 'Festival Internazionale del Val di Noto- Magie Barocche' (nel quale ha suonato anche con il 'Kiev Baroque Consort') e 'Il Bellini nel Barocco', organizzato, a Catania dal Teatro Massimo Bellini, nonché nelle tournèe in Russia, Romania, Cina, Giappone. Ha suonato pianoforte per la compagnia Zappala danza negli spettacoli in Abruzzo e a Rio de Janeiro. E' stato pianista accompagnatore ufficiale per concorsi e masterclass importanti : il Concorso Internazionale di Canto Lirico "Marcello Giordani" , la Masterclass Rachmaninov per pianoforte e il Concorso Internazionale "Premio Bellini" a Catania.


Vito Imperato

violino

 

Nato a Catania, si è diplomato presso l’Istituto Musicale della sua città sotto la guida del Maestro Giacomo Caruso per poi proseguire gli studi di perfezionamento  a  Palermo con Piero Marabete , a Roma con Angelo Stefanato ed Arrigo Pelliccia e , quindi , presso “ l’Accademia Chigiana” di Siena e “ Le Conservatoire de Musique ” di Ginevra con Henryk Szeryng. Si è perfezionato inoltre nella prassi esecutiva della musica da camera con Marie Chantal De Buchy. Nel 1984 è risultato vincitore di concorso presso l ‘Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia e quella del Teatro dell’ Opera di Roma nonché, l’anno successivo, presso l‘Orchestra Sinfonica Siciliana nella quale ha ricoperto anche il posto di Concertino dei primi violini. Superate le audizioni internazionali per “ violino di spalla” , nel 1987 presso il Teatro Massimo Bellini di Catania e nel 1989 presso il Teatro dell’ Opera  di Roma, ha sostenuto questo ruolo  successivamente  anche presso l’ Orchestra Filarmonica Italiana , l’ Orchestra Sinfonica Siciliana, la Mediterranean Symphony Orchestra  ( in Italia ed all’ estero), I Cameristi della Scala  e  la  Tonhalle Symphony Orchestra di Zurigo. In qualità di solista ha suonato sia con l’orchestra della sua città natale che con i Solisti Aquilani a Terni, con l’ Orchestra Cantelli in Sala Verdi a Milano, con la Cairo Symphony Orchestra e con l’ Orchestra Sinfonica dello Stato del Messico. Ha vinto numerose rassegne violinistiche ed ha al suo attivo diverse registrazioni per la RAI . Ha svolto intensissima attività cameristica sia con la Nuova Orchestra da Camera di Catania, da lui stesso fondata, che con le più diverse formazioni strumentali,  collaborando con solisti di chiara fama quali, tra gli altri, Rocco Filippini, Alirio Diaz, Sergej Girshenko, Andràs Adorjàn, Antony Pay, Aiman Mussakhajayeva, Boris Petrushanshj, Mikhail Kugel, Igor Oistrakh ,  in Italia, Francia,  Svizzera, Spagna, Austria,  Germania, Turchia e Cina. Attualmente ricopre il ruolo di “ violino di spalla” presso l’ Orchestra dell ‘Ente Autonomo Regionale Vincenzo Bellini di Catania. E’ titolare di cattedra di violino presso l ‘Istituto Musicale “ Vincenzo Bellini”di Catania. Tiene seminari estivi  di perfezionamento in diverse parti d ‘Italia. Nel 2013 è stato insignito del prestigioso Premio “Domenico Danzuso” riservato ogni anno ad eminenti personalità del mondo della musica e della prosa. Suona un “Matteo Goffriller” del 1732.

Giulio Plotino

 violino

 

 

Nato a Genova, ha iniziato lo studio del violino con Joseph Levin. Ottenuto il diploma nel conservatorio della sua città, si è successivamente laureato presso la Hogeschool voor de Kunsten di Utrecht nella classe di Philipp Hirschhorn. Si è inoltre perfezionato sotto la guida di Salvatore Accardo, Boris Belkin, Thomas Zeethmair ed i membri dei Quartetti: Italiano, Amadeus ed Alban Berg.

Si è laureato al concorso internazionale “Premio Paganini” di Genova e ha vinto il concorso “Premio Città di Vittorio Veneto”. Per 15 anni ha collaborato come Primo Violino con orchestre quali London Philharmonic Orchestra, Teatro alla Scala di Milano, Gran Teatro La Fenice di Venezia, Barcelona Symphony Orchestra West Australian Symphony Orchestra, Malaysian Philharmonic Orchestra, sotto la direzione di Lorin Mazel, George Pretre, Kurt Masur, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, John Elliot Gardiner, Sir Colin Davis, Daniel Harding, Myun Wung Chung, Vladimir Jurowsky, Neville, Marriner, Dimitri Kitajenko etc...

Nel 2018 è stato protagonista della produzione discografica Dynamic dedicata a Paganini e i suoi strumenti, il violino la chitarra ed il violoncello appartenuti a Paganini in collaborazione con Clemens Hagen al violoncello e Matteo Mela alla chitarra. Cit.The Strad: “Most of us would think long before attempting the solo Nel Cor Più Non Mi Sento even on a modern set-up, so hats off to Giulio Plotino who negotiates even the most fiendish intricacies on Paganini's del Gesù with rare aplomb”. L'incontro con Andrea Marcon e la Venice Baroque Orchestra, lo ha visto protagonista di un lungo tour americano su strumenti d'epoca, dove ha riscosso ampio successo di pubblico e critica. Sempre nell'ambito della musica antica, ha collaborato con Ottavio Dantone nell'esecuzione del V° Concerto Brandeburghese di J. S. Bach. Tra il 2017/18 ha debuttato come direttore d'orchestra nel Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini presso il Teatro Lirico di Sassari e nella doppia veste di solista e direttore nel concerto di Paganini e repertorio sinfonico con l'Orchestra Sinfonica Siciliana di Palermo. Ha tenuto concerti presso il Lehamn Centre di New York, la Citè de la Musique ed il Musée d'Orsay di Parigi, lo Styriarte Festspiele di Graz, il Centro Cultural de Belém di Lisbona, il Melbourne Recital Centre, la Yon Siew Toh Hall di Singapore, Il Teatro Major di Bogotà, la Perth Concert Hall, il Teatro La Fenice di Venezia, l'Unione Musicale di Torino, l'Istituzione dei concerti La Sapienza di Roma, la GOG di Genova, la Società del Quartetto di Vicenza e gli Amici della Musica di Firenze, Padova, Perugia, Palermo etc.... La sua esecuzione del Concerto per violino di Benjamin Britten, sotto la direzione di Simone Young con la West Australian Symphony orchestra, è stata registrata da ABC Classic. Di prossima uscita per Brilliant Classic ha registrato i concerti di Tartini al violino barocco con L'Accademia della Rosa, orchestra su strumenti d'epoca da lui fondata.

Da sempre impegnato nel repertorio contemporaneo, ha collaborato con compositori quali: L. Berio, F. Vacchi, S. Sciarrino, S. Bussotti, G. Benjamin e molti altri. Ha inciso la “Sequenza VIII” di Luciano Berio in un disco Dynamic, dedicato a Berio e Maderna favorevolmente accolta dalla critica internazionale. Sotto la direzione di Yuri Bashmet e i Solisti di Mosca è stato destinatario della premier del concerto di Kuzma Bodrov. Ha fatto parte di giurie di concorsi internazionali quali: “Premio Paganini” e “Rodolfo Lipizer”. Docente presso il Conservatorio N. Paganini di Genova, è stato Visiting Violin Professor presso la University of Western Australia e lo Yon Siew Toh Conservatory of Music di Singapore. Dal 2015 è Direttore Artistico del Campus Musicale Lunigiana.

 
 

 


Andrey Dogadin

viola

 

inizia regolarmente gli studi musicali nella classe del Prof. Kramarov presso il Conservatorio di San Pietroburgo e successivamente li completa sotto la guida del professor Stopichev. Per un decennio, dal 1986 al 1995 è stato membro del famoso "quartetto di San Pietroburgo" con il quale ha vinto 1stPrize nella 3rdUnion-concorso per quartetti di archi (Voronezh, 1986), così come diversi altri premi in concorsi internazionali: 1987 "D. Shostakovich "concorso a San Pietroburgo, Russia (3 ° premio e premio speciale per il miglior rendimento della composizione obbligatoria), 1989" min-on "concorso per ensemble da camera a Tokyo, Giappone (medaglia d'argento e premio speciale presentato da Lufthansa), 1989 concorso "Vittorio Gui" per Ensemble da camera a Firenze, Italia (Gran Premio e due premi speciali), 1991 concorso di musica da camera a Melbourne, Australia (1 ° premio e Gran Premio). Insieme al quartetto di San Pietroburgo registrò antologie della produzione del quartetto di Tchaikovsky, Borodin e Shostakovich per le etichette "Sony Classics", "Мelodia" e "Visual de Sarria" (Spagna). Dal 1995, è la Prima viola dell'Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo (direttore musicale Yuri Temirkanov). Spesso appare come solista con questa orchestra così come con altre orchestre russe e straniere. Un appassionato lettore di musica da camera, Andrei dogadin ha ampiamente esplorato i repertori di Sonata per il suo strumento e ha partecipato a spettacoli con i più svariati ensemble strumentali. Tra i suoi partner: T. Nikolaeva, E. Bronfman, A. Gavrilov, N. Lugansky, V. Repin, V. Ovcharek, L. Ambarzumian, S. Grishenko, S. Levitin, I. Konovalov, I. Zhenatj, A. Kniazev, А. Rudin, A. Nikitin, N. Gutman, Y. Milkis, il quartetto Taneev, il quartetto allodola, il Pittsburgh Piano Trio e molti altri. Si è esibito nel "Festival delle serate di dicembre" di Sviatoslav Richter a Mosca ed è stato ospite in molti altri prestigiosi festival internazionali. Ha rappresentato San Pietroburgo per le sue "giornate culturali" a Milano e Buenos Aires. Ha ampiamente girato la Russia sia come solista che come performer da camera. All'estero ha visitato gli Stati Uniti, Argentina, Germania, Francia, Italia, Spagna, Olanda, Andorra, Polonia, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Estonia, Lettonia, Israele, Giappone, Taiwan, Corea del Nord e del sud. Dal 1986, è professore di viola al Conservatorio di San Pietroburgo, avendo precedentemente insegnato quartetto (1997-'99). Da quando ha cominciato a insegnare, più di 60 dei suoi studenti hanno raggiunto il diploma. Tra questi, diversi sono stati vincitori di premi in prestigiose competizioni internazionali e un'alta percentuale è stata impiegata sia in orchestre russe che straniere come l'Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, l'Orchestra del Teatro Mariinsky, il Bolshoi dell'orchestra teatrale di Mosca. Come professore ha insegnato corsi di perfezionamento in Russia, Stati Uniti, Germania, Lettonia, Perù e Corea del sud. È stato anche membro della giuria di diverse competizioni musicali nazionali e internazionali in tutto il mondo. Nel 2003, gli è stato conferito dal Presidente della Federazione Russa, il titolo di "artista onorato della Federazione Russa".

Luigi De Giorgi

viola/ sez.orchestra

 

Inizia gli studi musicali giovanissimo sotto la guida del nonno e maestro Salvatore Barone. Diplomatosi in Viola presso il Conservatorio di Musica “V. Bellini” di Palermo, segue i corsi di perfezionamento tenuti dai maestri Piero Farulli e Carlo Pozzi presso la Scuola di Musica di Fiesole e l'Orchestra Giovanile Italiana, con la quale effettua concerti in Italia, Ungheria e Repubblica Ceca. Vincitore di premi nazionali ed internazionali, ha tenuto numerosi concerti in qualità di Prima Viola con prestigiose formazioni cameristiche in Italia, Inghilterra, Polonia, Norvegia, Cina e per emittenti televisive quali R.A.I. e Mediaset. Dal 1994 collabora con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, ricoprendo il ruolo di Prima Viola in diverse produzioni liriche e sinfoniche e partecipando a importanti tournèe in Russia, Giappone e Cina. Ha inoltre collaborato con l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra Filarmonica Italiana, l’Orchestra Sinfonica Siciliana. Vanta esperienze con illustri direttori d’orchestra quali, Riccardo Muti, Carlo Maria Giulini, Yuri Temirkanov, Michel Plasson, Daniele Gatti, Alain Lombard.

E’stato docente di Viola con contratto di collaborazione presso gli "Istituti Superiori di Studi Musicali" di Catania e di Caltanissetta.

Nel 2011, tramite il Consiglio della Presidenza della Repubblica Italiana, riceve i ringraziamenti dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, per l’attività promossa dall’Italian Ensemble , gruppo musicale di cui è fondatore , in occasione delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Dal 2015 è docente di Prassi Orchestrale, Violino e Viola presso la Note International Academy di Catania.

 

 


Vadim Pavlov

violoncello/musica da camera

 

Nato a San Pietroburgo (Russia). Ha studiato presso il Conservatorio della sua città nella classe di E.Fishman, il maestro di M. Maisky, B.Pergamenschikov ecc., si è diplomato nella classe di S.Roldugin, quindi ha conseguito il Dottorato di ricerca presso dell’Istituto di Pedagogia Musicale “Gnessin” come assistente del M° V.Berlinsky. Ha ricoperto il ruolo di Primo violoncello presso i vari compagini orchestrali come il Teatro da Camera di Leningrado, Orchestra Sinfonica Siciliana di Palermo,Orchestrale Regionale Toscana di Firenze,Orchestra Filarmonica de La Coruna (Spagna), Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino ecc.. E’ stato vincitore di diversi concorsi Internazionale tra cui “ Primavera di Praga”, “ Esecuzione Musicale di Ginevra”, “Perugia Classico”, etc.etc.. Attualmente ricopre la carica di Primo violoncello presso il Teatro Massimo Bellini di Catania. Regolarmente tiene i Masterclasses in Italia e all’estero.Incide per la Pentagramma, VideoRadio Classic, Hungaroton.
E’ Cavaliere dell’Ordine Mondiale di Scienze Musicali. E’ Direttore Artistico del Festival Internazionale di Musica da Camera “Le Belliniadi”.  Nel 2014 è stato insignito del Premio Nazionale per Alti meriti artistici “Domenico Danzuso”.  E’ docente al Conservatorio “F.Cilea ” di Reggio Calabria. Suona su un violoncello David Tecchler del 1700 affidatogli dalla Fondazione Pro Canale-ONLUS.

Davide Galaverna

contrabbasso

 

Si diploma presso il Conservatorio "A.Boito" di Parma,perfezionandosi successivamente con il M° F. Petracchi e con W. Guttler. Dopo gli studi inizia il percorso in orchestra suonando con le seguenti istituzioni musicali: Orchestra "A. Toscanini" di Parma, I Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, Orchestra della Svizzera Italiana di Lugano, Orchestra "Haydn" di Trento e Bolzano, Orchestra dell'Arena di Verona,Orchestra RAI di Milano e Roma, Orchestra Regionale Toscana, Orchestra Sinfonica di Sanremo,Orchestra del Teatro Massimo di Palermo,Orchestra Sinfonica di Neuchatel. In ambito cameristico ha suonato in qualità di Primo contrabbasso con l'Orchestra da Camera Italiana diretta da S. Accardo,effettuando tournèe in Italia ed in Europa. Sempre in ambito cameristico ha fatto parte del prestigioso ensemble "I Solisti Veneti" diretti da Claudio Scimone, svolgendo anche qui tournèe in vari stati europei. Ha partecipato ad un importante ciclo di concerti in Germania ( Bonn, Colonia, Dusseldorf, Monaco) con i  "Virtuosi Italiani).

Dal 2010 forma un duo con la pianista Ketty Teriaca,con la quale effettua vari concerti in Italia.

Dal 2006 tiene corsi di perfezionamento a Montedoro (CL), e dal 2015 presso l'Accademia di Petralia Sottana (PA).  

Dal 1999 ricopre il ruolo di Primo contrabbasso presso l'Orchestra del Teatro Bellini di Catania. 

 

 

 


Črtomir Šiškovič

violino/musica da camera/quartetto

 

Nato a Trieste, ha studiato nella sua città con O. Kjuder e con C. Veronek a Ljubljana (Slovenia). Nel 1976 si diploma a pieni voti presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste, si perfeziona poi con Igor Ozim e con il Quartetto Amadeus di Colonia, dove consegue nel 1980 il diploma a pieni voti e menzione speciale presso la prestigiosa Musikhochschule. Nel 1982 segue altri corsi di perfezionamento con Franco Gulli e il Quartetto Borodin a Bloomington (Usa), con Max Rostal a Klagenfurt (Austria) e Viktor Pikaizen in Svizzera. In ambito cameristico si esibisce in numerose e prestigiose formazioni a livello internazionale, collaborando con musicisti del calibro di Franco Gulli, Kostantin Bogino, Michael Flaksman, Irena Grafenauer, Maria Graf, Igor Lazko, Davide Formisano, Radovan Vlatković. In qualità di solista si esibisce con importanti Orchestre quali Filarmonica di San Pietroburgo, Orchestra da Camera di Budapest, Filarmonica Slovena, Rheinische Philharmonie, Orchestra Sinfonica “A. Toscanini”, Cappella Istropolitana, Shizuoka Symphony Orchestra, Orchestra Filarmonica Marchigiana, Paris Chamber Orchestra, Kyudai Philarmony Orchestra etc.. La sua intensa attività solistica lo porta a collaborare con prestigiosi direttori d’orchestra quali H. Soudant, G. Kuhn, F. Luisi, F. Brüggen, I. Domarkas, U. Lajovic, A. Nanut, M. Bamert, M. Tabachnik, L. Shambadal, L. Arnič, S. Tsutsumi. Compie numerose tournèe in tutta Europa, Stati Uniti, Giappone, Cina, Mongolia, Corea del Sud, suonando nelle più famose sale da concerto (Lingotto di Torino, Sala del Conservatorio Verdi di Milano, Beaux Arts di Bruxelles, The Ongaku No Tomo hall di Tokyo, Gewandhaus di Lipsia, Centro IRCAM di Parigi, Concertgebouw di Amsterdam, Rudolfinum di Praga, Filarmonica di Berlino, Filarmonica di S. Pietroburgo, Grand Theatre di Shanghai, Gran Ship Theatre di Shizuoka, Art Center (IBK hall) di Seoul, ACROS Concert Hall di Fukuoka etc.). Tournée in tutta Europa, USA, Giappone, Cina, Mongolia e Corea del Sud. Da oltre vent'anni si dedica con particolare interesse alla musica barocca, suonando con l'arco e il violino di quell'epoca. Ha inciso numerosi CD con musiche di G. Tartini e dei suoi allievi (tra cui spicca l'integrale delle 31 sonate per violino solo di G. Tartini). Ha al suo attivo numerose registrazioni radio televisive con RAI, RTV di Ljubljana, Zagreb e Beograd, RTV della Suisse Romande, Radio Nazionale Spagnola, Deutschlandfunk di Köln, RTV di Mosca e San Pietroburgo, Radio Ungherese, TV Cinese e Giapponese. Fin da giovane ha sempre suonato anche la viola. È stato membro del Quartetto con pianoforte Sloveno e attualmente suona la musica da camera in diverse formazioni. Come solista si esibisce in tutto il mondo con il Kammerensemble Cologne - Germania.

Giuseppe Costantino

violino/propedeutica

 

 

Si è diplomato  nel 1990 sotto la guida del M° Luigi Rocca di Palermo; dal 1987 ha iniziato a frequentare i Corsi di qualificazione professionale per orchestra e musica da camera tenuti dai Maestri Giuseppe Prencipe, Carlo Pozzi, Piero FaruIli, Angelo Faja, Dario De Rosa e Renato Zanettovich presso la Scuola Superiore di musica "Ars Nova" di Palermo e successivamente presso la Scuola di Musica di Fiesole. Si è perfezionato seguendo i corsi individuali di violino tenuti dai Maestri G. Prencipe, G. Franzetti.G. Moench, S.Pagliani, F. Cusano. Dal 1990 svolge la propria attività professionale come Violino di fila con contratto a tempo indeterminato presso l’E.A. R. Teatro Bellini di Catania. Parallelamente in questi anni ha maturato diverse esperienze musicali di natura solistica e cameristica collaborando inoltre con l’Orchestra Filarmonica del Teatro Bellini  dove ha  ricoperto  anche il ruolo di Primo violino dei secondi. E' socio fondatore dell'orchestra da camera "I Nuovi Cameristi Italiani ensemble", gruppo nato nel 1992 inseno all'orchestra del Teatro Bellini, con il quale ha svolto una significativa attività concertistica avvalendosi della collaborazione di importanti solisti e direttori d'orchestra di fama internazionale; con la stessa ensemble ha partecipato nel 1992 al “Festival dei due mondi” di Spoleto. Collabora occasionalmente con l’Orchestra del Teatro comunale “F.Cilea” di Reggio Calabria nel ruolo di Primo violino dei secondi. Ha svolto per un decennio attività d’insegnamento con incarico annuale  presso l’Istituto musicale del comune di Caltagirone “P.Vinci” come docente di violino. Nel  2011 ha collaborato come coordinatore dei corsi e docente di violino con l’Associazione “Akhenaton” di Caltagirone nell’attuazione di corsi di musica annuali pre-accademici  in convenzione  con l’Istituto Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Caltanissetta presso il quale attualmente collabora come docente di violino.